CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI

torna alla lista corsi
CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORE DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI
CORSO DI FORMAZIONE PER COORDINATORI IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI AI SENSI DEL D.LGS. 81/2008 E S.M.I.

Il ruolo del Coordinatore per l'esecuzione è un ruolo assolutamente operativo, che prende forma e sostanza al momento dell'inaugurazione delle opere. 
Un professionista esecutivo quindi, che segue punto per punto, passo dopo passo, il corretto andamento dei lavori.

Questi i suoi compiti:

a) Verifica, con opportune azioni di coordinamento e controllo, l'applicazione, da parte delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi, delle disposizioni loro pertinenti contenute nel piano di sicurezza e di coordinamento (PSC ndr) ove previsto e la corretta applicazione delle relative procedure di lavoro;

b) Verifica l'idoneità del piano operativo di sicurezza (POS, redatto dai datori di lavoro, dai dirigenti o dai preposti delle ditte esecutrici), da considerare come piano complementare di dettaglio del piano di sicurezza e coordinamento, assicurandone la coerenza con questo ultimo. Ove previsto adegua il piano di sicurezza e di coordinamento e il fascicolo (caratteristiche dell'opera di cui all'articolo 91, Comma 1, lettera b: vedi pagina del nostro sito dedicata al Coordinatore sicurezza progettazione), in relazione all'evoluzione dei lavori ed alle eventuali modifiche intervenute, valutando le proposte delle imprese esecutrici dirette a migliorare la sicurezza in cantiere ee verifica che le imprese esecutrici adeguino, se necessario, i rispettivi piani operativi di sicurezza;

c) Organizza tra i datori di lavoro, compresi i lavoratori autonomi, la cooperazione ed il coordinamento delle attività, nonchè la loro reciproca informazione.
Oltre ad avere funzioni estremamente mirate e destinate alla costruzione, alla pratica del lavoro in senso stretto, ricopre anche ruoli per quanto riguarda le parti sociali, in raccordo con il RLS.

In particolare, durante i lavori:

d) Verifica l'attuazione di quanto previsto negli accordi tra le parti sociali al fine di realizzare il coordinamento tra i rappresentanti della sicurezza finalizzato al miglioramento della sicurezza in cantiere.

Ha quindi compiti di vigilanza, controllo e ispezione in cantiere, quotidiani.

Deve osservare il cantiere, assicurarne la correttezza e la sicurezza, segnalare inadempienze al committente o al responsabile dei lavori e se questi non ascoltassero le sue indicazioni, deve segnalare le inadempienze e le irregolarità totali alle ASL territoriali e alla Direzione Provinciale del lavoro.

Ovvero:

e) Segnala al committente o al responsabile dei lavori, previa contestazione scritta alle imprese e ai lavoratori autonomi interessati, le inosservanze alle disposizioni degli articoli 94, 95, 96 e 97 (obblighi dei lavoratori autonomi, dei datori di lavoro e dei preposti, misure generali di tutela e obblighi per la sicurezza dei datori di lavoro dell'impresa affidataria), Comma 1 e alle prescrizioni del piano di cui all'articolo 100 ove previsto, e propone la sospensione dei lavori, l'allontanamento delle imprese o dei lavoratori autonomi dal cantiere, o la risoluzione del contratto.

Nel caso in cui il committente o il responsabile dei lavori non adotti alcun provvedimento in merito alla segnalazione, senza fornire idonea motivazione, il coordinatore per l'esecuzione da comunicazione dell'inadempienza deve rivolgersi all'unità sanitaria locale e alla direzione provinciale del lavoro territorialmente competenti;

f) Sospende, in caso di pericolo grave e imminente, direttamente riscontrato, le singole lavorazioni fino alla verifica degli avvenuti adeguamenti effettuati dalle imprese interessate.
Il coordinatore per la sicurezza nell'esecuzione viene nominato per legge qualora si sia in presenza di piu' imprese esecutrici, e deve essere nominato anche qualora si sia in presenza di ditte affidatarie.
In questo caso, ovvero quando l'esecuzione di un lavoro viene smembrata e assegnata a piu' ditte, il coordinatore per la sicurezza in esecuzione ha anche il compito di redigere il PSC per le stesse e il fascicolo sulle caratteristiche delle opere.

La nomina del coordinatore per l'esecuzione è un obbligo per il committente o per il responsabile dei lavori.
Il coordinatore per la progettazione e il coordinatore per l'esecuzione dei lavori devono essere in possesso di uno seguenti requisiti ( Art 98 ): 
  1. Laurea magistrale LM-4, da LM-20 a LM-35, LM-69, LM-73, LM-74;
  2. Laurea conseguita nelle seguenti classi: L7, L8, L9, L17, L23;
  3. Diploma di geometra o perito industriale o perito agrario o agrotecnico, nonchè attestazione, da parte di datori di lavoro o committenti, comprovante l'espletamento di attività lavorativa nel settore delle costruzioni per almeno tre anni.
Durante l'iter formativo i partecipanti acquisiranno conoscenze in materia di: 
  • Normative sull'igiene e la sicurezza del lavoro;
  • Ruoli, compiti e responsabilita' dei soggetti del Sistema Sicurezza e degli Organi di vigilanza e controllo, nonchè della disciplina sanzionatoria;
  • Violazioni piu' ricorrenti nei cantieri, secondo fonti statistiche, ai fini di una corretta prevenzione;
  • Rischi e danni da lavoro, ai fini dell'adozione di una corretta analisi dei rischi, dell'organizzazione dei cantieri e della realizzazione dei lavori in sicurezza;
  • Elaborazione del Piano di Sicurezza e Coordinamento (PSC) e della sua corretta e applicazione;
  • Pianificazione, organizzazione e gestione delle attivita' di raccordo, informazione e controllo di soggetti coinvolti nel Sistema Sicurezza nel settore dei Cantieri temporanei e mobili.
PARTE TEORICA- Modulo giuridico per complessive 28 ore:
  • La legislazione di base in materia di sicurezza e di igiene sul lavoro;
  • La normativa contrattuale inerente gli aspetti di sicurezza e salute sul lavoro; 
  • La normativa sull'assicurazione contro gli infortuni sul lavoro e le malattie professionali;
  • Le normative europee e la loro valenza; le norme di buona tecnica; le direttive di prodotto;
  • Il Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro con particolare riferimento al Titolo;
  • I soggetti del Sistema di Prevenzione Aziendale: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali;
  • Metodologie per l'individuazione, l'analisi e la valutazione dei rischi;
  • La legislazione specifica in materia di salute e sicurezza nei cantieri temporanei o mobili e nei lavori in quota;
  • Il titolo IV del Testo Unico in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro;
  • Le figure interessate alla realizzazione dell'opera: i compiti, gli obblighi, le responsabilità civili e penali;
  • La legge quadro in materia di lavori pubblici ed i principali decreti attuativi;
  • La disciplina sanzionatoria e le procedure ispettive.

Modulo tecnico per complessive 52 ore:
  •  
  • Rischi di caduta dall'alto;
  • Ponteggi e opere provvisionali;
  • L'organizzazione in sicurezza del Cantiere;
  • Il cronoprogramma dei lavori;
  • Gli obblighi documentali da parte dei committenti, imprese, coordinatori per la sicurezza;
  • Le malattie professionali ed il primo soccorso;
  • Il rischio elettrico e la protezione contro le scariche atmosferiche;
  • Il rischio negli scavi, nelle demolizioni, nelle opere in sotterraneo ed in galleria;
  • I rischi connessi all'uso di macchine e attrezzature di lavoro con particolare riferimento agli apparecchi di sollevamento e trasporto;
  • I rischi chimici in cantierem;
  • I rischi fisici: rumore, vibrazioni, microclima, illuminazione;
  • I rischi connessi alle bonifiche da amianto;
  • I rischi biologici;
  • I rischi da movimentazione manuale dei carichi;
  • I rischi di incendio e di esplosione;
  • I rischi nei lavori di montaggio e smontaggio di elementi prefabbricati;
  • I dispositivi di protezione individuali e la segnaletica di sicurezza.

Modulo metodologico/organizzativo per complessive 16 ore:
  • I contenuti minimi del piano di sicurezza e di coordinamento, del piano sostitutivo di sicurezza e del piano operativo di sicurezza.
  • I criteri metodologici per:
  • L'elaborazione del piano di sicurezza e di coordinamento e l'integrazione con i piani operativi di sicurezza ed il fascicolo;
  • L'elaborazione del piano operativo di sicurezza;
  • L'elaborazione del fascicolo;
  • L'elaborazione del P.I.M.U.S. (Piano di Montaggio, Uso, Smontaggio dei ponteggi; e);
  • La stima dei costi della sicurezza;
  • Teorie e tecniche di comunicazione, orientate alla risoluzione di problemi e alla cooperazione;
  • Teorie di gestione dei gruppi e leadership;
  • I rapporti con la committenza, i progettisti, la direzione dei lavori, i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza.

PARTE PRATICA per complessive 24 ore:
  • Esempi di Piano di Sicurezza e Coordinamento;
  • presentazione dei progetti, discussione sull'analisi dei rischi legati all'area, all'organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze;
  • Stesura di Piani di Sicurezza e Coordinamento, con particolare riferimento a rischi legati all'area, all'organizzazione del cantiere, alle lavorazioni ed alle loro interferenze;
  • Lavori di gruppo;
  • Esempi di Piani Operativi di Sicurezza e di Piani Sostitutivi di Sicurezza;
  • Esempi e stesura di fascicolo basati sugli stessi casi dei Piano di Sicurezza e Coordinamento;
  • Simulazione sul ruolo del Coordinatore per la Sicurezza in fase di esecuzione.
Inizio Corso: 19/02/24
Fine Corso: 30/04/24

Caratteristiche

  • Ore 120
  • Posti Disponibili 22
  • Categoria Salute e Sicurezza
  • NON iscritti 750,00 €
  • ISCRITTI C.E. di Capitanata 500,00 €